Via Po, 9 00198 Roma
0685301100
ass.risveglio@associazionerisveglio.it

Cari Amici

Cari amici, nun c’ho la fantasia
De scrive’ ‘ste du righe in rima
Ma co’ ‘sto natio dialetto
Ve sento ancora più vicini
C’è ‘n’autore de ‘sti moderni tempi
Che diceva:
“la vita è ‘n’avventura
Da cui nun s’esce vivi”
Ma dumila anni prima
Quarcuno in Alto ce diceva:
“la vita è ‘na grazia de l’Amore
Da cui s’esce luminosi
Vedrete la Luce già su questa tera
Basta seguì le mie parole”
C’ha detto puro come fa’
A contemplà da mo’ ‘sta Luce
“cercate de volevve bene
Tutti insieme senza distinzioni
Consolate chi è ‘n povertà
Date cibo all’affamato
Accudite chi è malato
Visitate er carcerato”
Sapete, me so’ spesso chiesto
“ma l’affamato, er malato, er carcerato
Che deve fa’ pe’ arivà alla Luce?”
Dai a sforzamme de capì
Finchè come sempre e come tutto
La risposta l’ho trovata ner Vangelo
Ar malato che cercava de toccallo
A chi ar mantello s’attaccava
Guardanno ar Cielo gliè diceva:
“va la tua fede t’ha sarvato”
Mo’ che ‘sta ribelle “corona”
È l’ennesima rivorta der maligno
Gliè dovemo fa’ capì che ce rimbarza
Che anche stavorta ha solo che da perde’
Come?
Attaccamose a le Sue parole
De ‘sti tempi, pe’ via de ‘sto maligno
Ognuno de noi, ce lo sapemo
E’ ‘n po’ affamato, ‘n po’ malato
E sarvognuno puro “carcerato”

E allora tiramoje la veste
E chiedemoje er dono de la Grazia
Magari ner silenzio de le case
Riuscimo puro a sentì ‘na voce:
“va’, la tua fede t’ha sarvato”

FRANCESCO NAPOLITANO 15 MARZO 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *